Nutriceutica per la salute dell’occhio

Nutriceutica per la salute dell’occhio

La nutriceutica o nutraceutica è una scienza alimentare di recente concezione che si prefigge di associare nutrizione e farmaceutica naturale per fare sì che gli alimenti che ingeriamo diventino una risorsa generale o specifica per l’organismo. Sei quello che mangi, dunque ma soprattutto la scienza ci dice che si possono ricavare dal cibo quei nutrimenti specifici in grado di aiutarci a combattere determinate patologie. Il benessere inizia dalla tavola, lo sapevamo già, mentre il meccanismo inverso è quello di una cattiva alimentazione con tutti gli effetti negativi che ne conseguono: scompensi alimentari, ipoalimentazione o iperalimentazione.
Gli studi hanno portato alla luce già da tempo, ad esempio, gli effetti degli antiossidanti contro i radicali liberi o degli acidi grassi Omega3 sul colesterolo e sulla memoria.

L’importanza di una buona alimentazione per la vista

La SINUT (Società Italiana di Nutriceutica) promuove studi a favore della nutriceutica: le ricerche si concentrano su estratti di piante, animali e minerali al fine di sviluppare integratori o diete specifiche. Gli esperti sono convinti che un’alimentazione attenta possa prevenire malattie croniche e degenerative. La nutriceutica, dunque si propone come risorsa naturale per antiaging, obesità, prevenzione cardiovascolare e cure oncologiche. Nello specifico per prevenire e sostenere il benessere dell’occhio ci sono nutrienti che garantiscono un giusto apporto di antiossidanti, indispensabili per la salute generale e del sistema visivo.

LUTEINA E ZEAXANTINA

La Luteina con la sua formula equiparabile al betacarotene è generalmente estratta dai fiori di tagete, la Zeaxantina è un colorante naturale giallo/arancio presente nello zafferano, nel mais, nelle bacche di Goji come nelle verdure a foglia. Diversi studi hanno evidenziato come questi nutrienti abbiano un beneficio per la vista con un effetto protettivo verso le radiazione solari e il rallentamento delle malattie degenerative. Per assumere questi elementi bisognerebbe mangiare: cavolo, spinaci, cavolo nero, rape, broccoli e mais.

VITAMINA C

Presente in moltissimi cibi, soprattuttutto frutta e verdura è una vitamina molto labile che si deteriora con la cottura, la conservazione e l’esposizione alla luce degli alimenti; importante è consumare i cibi la contengono freschi o a seguito di cotture brevi (al vapore). Ha notevoli proprietà antiossidanti. La possiamo trovare negli agrumi, kiwi, peperoni, frutti di bosco, asparagi, broccoli, cavoli e cavolfiore.

VITAMINA E

Protegge efficacemente dai radicali liberi con la sua funzione antiossidante. La si trova negli olii vegetali, frutta secca, cereali integrali, uova, broccoli e spinaci.

ACIDI GRASSI ESSENZIALI

I grassi sono fondamentali nella dieta per sostenere la vitalità cellulare, il sistema nervoso e immunitario. Gli Omega3 hanno funzione attiva per il benessere e il funzionamento, tra le altre cose, della retina. Possono essere contenuti nei vegetali come la frutta secca o essere di origine animale e si trovano soprattutto nei pesci che vivono nei mari freddi.

ZINCO

Ha un ruolo essenziale nel metabolismo e nelle funzioni enzimatiche, favorendo la produzione di un pigmento protettivo dell’occhio: la melanina. Il nostro organismo non ne ha riserve specifiche perciò è importante l’apporto regolare attraverso l’assunzione di cibi che ne contengono. Si trova in uova, salumi, formaggi, cereali, lievito di birra, legumi e pesce.

Alcuni studi hanno dimostrato che alcune malattie degenerative dell’occhio, come la maculopatia senile rispondono positivamente a una costante assunzione di nutraceutici, che ne rallenterebbe la progressione e il conseguente calo visivo. In questi casi viene prescritta una dose di integratori alimentari a base di zinco, antiossidanti, vitamine e betacarotene.

Related Posts